mercoledì 12 settembre 2012

I demoni del paese delle meraviglie di Daniel De Rossi, Teatro Millelire


La storia di Alice nel Paese delle Meraviglie nacque durante una gita in barca che Lewis Carroll fece con le sorelline Liddell. Tra loro c'era anche Alice, bambina di dieci anni che Carroll vide crescere e per la quale nutrì una predilezione particolare. Questo fatto, che coincide con la nascita della nota favola, è probabilmente anche il punto di origine di quei sospetti che porteranno poi alle accuse di pedofilia nei confronti di Carroll. È l'inizio di una storia che finirà in una scatola, luogo angusto in cui è rinchiuso il Demone de I Demoni del paese delle meraviglie di Daniel De Rossi, spettacolo d'apertura della prima stagione del Teatro Millelire, nuovo teatro romano inaugurato a giugno. Una rilettura e una ricerca coraggiosa, con cui il Teatro Millelire cerca di distinguersi rispetto ad altri piccoli teatri off che troppo spesso offrono spettacoli deludenti e talvolta meno che amatoriali.
È partendo dunque da questo binario Carrol-Alice Liddell che Daniel De Rossi ci intrappola in un non-luogo senza inizio né fine. Un viaggio che di meraviglia conserva il nome, ma esplora invece aspetti ben altro che meravigliosi: la paura dell'ignoto, della solitudine in cui spesso temiamo di precipitare, dei demoni che affabulano le nostre innocenze infantili. Pratagonista è un uomo, o un demone, un personaggio di una favola o lo stesso Carroll, o ancora ciò che noi stessi, in quanto uomini, potremmo essere. E nella desolazione della scatola, in cui tutto è monotono, ossessivo, ripetitivo, in cui unico compagno è un orsacchiotto muto, la luce è rappresentata dall'ospite inatteso, dalla ingenuità di una bambina; salvatrice, forse, o fors'anche nuova condanna: Alice (Jessica Zanella). È l'inizio della fine, della deriva verso un inconscio fatto soprattutto di depravazione, il gioco innocente si trasforma in psicosi. Poco cambia che sia l'uomo, il gatto o Carroll stesso, l'obiettivo appare sempre viscerale e la pulsione che porta ad Alice nasconde sempre un intento più carnale. Tre mutazioni, tre diversi volti e riflettori sotto la cui luce ci viene mostrato un Carroll diverso nella forma ma non nella sostanza: un'unica follia che porta un nome di bambina.
Un'esplorazione interessante, che ha il pregio di condurre alla fine mantenendo inalterata la soglia d' attenzione. Tante sono le porte – come quelle davanti cui si trova Alice nella tana del Bianconiglio - che Daniel De Rossi cerca di aprire con la sua rilettura, porte le quali probabilmente è più facile aprire che richiudere. Infatti sono molti gli spunti che vengono portati in superficie, ma non tutti vengono esplorati e rimane quasi un senso di incompiuto, come se fossimo appena all'inizio del viaggio e non alla sua fine (complice anche il buon ritmo). La stessa metafora finale, la quale può alludere al suicidio di noi stessi per mezzo delle nostre ossessioni, pur inserendosi coerentemente nel contesto narrativo studiato da De Rossi, rischia di fuorviare per via della rottura di quel lineare parallelismo biografico che ha accompagnato la narrazione fino a quel momento.

 Recensione a cura di Alessandro Giova 


I DEMONI DEL PAESE DELLE MERAVIGLIE 
di Daniel De Rossi
liberamente tratto da Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll
con Daniel de Rossi e Jessica Zanella

dall'11 al 16 settembre al

TEATRO MILLELIRE 
Via Ruggero Lauria 22 Roma
info: 0639751063
Biglietti: €12 - Ridotti online: da €6.50
Ufficio Stampa: Rocchina Ceglia


Nessun commento:

Posta un commento