lunedì 15 ottobre 2012

Riflessi della settimana teatrale (6): consigli e sconti. Non solo teatro

Abbiamo ancora negli occhi una meraviglia fiabesca, dunque cogliamo l'occasione per ricordare anche questa settimana che fino al 4 novembre è in scena al Piccolo Eliseo La macchina dei desideri di Giampiero Rappa (recensione); un altro spettacolo che riproponiamo è Dignità Autonome di Prostituzione, ormai più che uno spettacolo un evento visto che calca le scene da cinque anni, in visita quest'anno all'Ambra Jovinelli fino al 4 novembre. La settimana scorsa abbiamo inserito un intruso musicale, questa settimana partiamo da un intruso cinematografico: al Palaexpò parte martedì 16, e proseguirà fino a maggio, A qualcuno piace classico, una rassegna che ripropone, nello splendore dei 35mm, alcuni capolavori della storia del cinema. Gli appuntamenti con la pellicola sono ogni due settimane, sempre di martedì, l'ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti (maggiori info). 
Per quanto riguarda il teatro, questa settimana proponiamo una settimana variegata, che spazia dai grandi autori come Ibsen, fino ad arrivare alla danza, la musica e l'acrobatica. Apriamo con il primo spettacolo in cartellone al Teatro Eliseo, che vede impegnato un grande cast formato da Massimo Popolizio, Lucrezia Lante della Rovere e Manuela Mandracchia: è la storia di un grande banchiere incorso in un fallimento finanziario e, si direbbe, una storia dei nostri giorni, ma la penna che ha partorito John Gabriel Borkman è di Henrik Ibsen ed il testo risale addirittura al 1896 (sconto 48%). Scorrendo un po' la lista di attori, sicuramente di primo piano sono quelli di scena all'Eliseo, ma vorremmo suggerire come seconda scelta Cittadine Straniere al Teatro Due Roma, spettacolo inserito nella rassegna Sguardi S-velati, che vede protagoniste due donne, una delle quali è Giulia Bonarcin, giovane attrice da seguire, la quale apprezzammo molto in uno spettacolo al Cometa Off la passata stagione e che, qualora confermasse le sue doti di attrice intensa e sensibile, può valere da sola il prezzo del biglietto. Riapre i battenti il Teatro Argot Studios, piccola realtà di grande importanza nel panorama romano, proponedo fino al 21 ottobre Oibo' sono morto, spettacolo vincitore de I Teatri del sacro, che mette in scena una surreale ed originale riflessione sul senso della vita. Sì sa, il water ispira grandi riflessioni, perché non usarlo come luogo teatrale da cui affacciarsi per alcune riflessioni sulla nostra quotidianità? È lo spettacolo Giù di Spiro Scimone, dal 18 al 21 ottobre al Teatro Argentina. Sempre all'Argentina, ma due giorni prima (ci piace passeggiare avanti e indietro nel tempo) protagonista è il circo, Circus Klezmer è uno spettacolo tutto da scoprire, divertente, travolgente e commovente anche, che miscela ingredienti variegati: giocolieri, clown, musica popolare e, ovviamente, la forza attrattiva e magica del Teatro (16 e 17 ottobre). Ce ne hanno parlato fin troppo bene, non possiamo dunque che inserirlo nella lista: parliamo di La morte della bellezza in scena da martedì 16 al Teatro Millelire; spettacolo che ha la forma della lettura-concerto e trae ispirazione dall'omonimo romanzo di Giuseppe Patroni Griffi, storia omosessuale di due giovani sullo sfondo di una Napoli sconvolta dai bombardamenti della II guerra mondiale (33% sconto). Restiamo nel campo musicale, questa volta però le risate sono assicurate con uno squinternato quartetto di PaGAGnini in concerto al Teatro Olimpico dal 16 al 20 ottobre, e riderete ancora di più sapendo che lo spettacolo è scontato del 70% e può esser vostro per 10 euro, occasionissima! (cliccate qui) È la volta di un nome popolare della letteratura, Stefano Benni, che firma testo e regia de Le Beatrici al Sala Umberto dal 16 al 21 ottobre. Ascanio Celestini continua la sua "occupazione" del Vittoria, dopo Pro Patria è il turno di Fila Indiana, secondo spettacolo del ciclo "Tre spettacoli per raccontare l'Italia". Ci sembra curioso e interessante l'accostamente tra teatro e danza fatto per La chiave dell'ascensore di Ágota Kristóf (fino al 21), di cui Paola Maffioletti firma regia e coreografia; protagoniste in scena Ester Albano nel ruolo della protagonista e Caterina Genta suo alterego danzante. Queste le nostre prime scelte, vi informiamo inoltre di: La solitudine del Re, alla sala Gassman Teatro dell'Orologio dal 16 al 21, spettacolo che mette al centro un tema che evidentemente piace molto ai teatranti, ovvero Aldo Moro (adatto ai più storici); sempre al Teatro dell'Orologio è possibile assistere dal 16 al 28 a Veronica, che citiamo anche per mostrarvi come Berlusconi sia riuscito ad entrare addirittura in teatro ispirando monologhi femminili; infine, dopo quello non certo eccellente al Cometa Off lo scorso anno, un nuovo Closer è di scena al Teatro Lo Spazio dal 18 al 21, suggerito primariamente per la potenza del testo; temiamo, tuttavia, che anche questa rappresentazione non sarà memorabile (voci di corridoio). Dunque, dunque, dunque: Buon Teatro e dintorni.

Abbiamo parlato di:

RIDOTTI


.. E NON SOLO...

Cittadine Straniere, regia Rosi Giordano, Teatro Due Roma, 19 | 21 ottobre;
Oibo' sono morto, regia Giovanna Mori, Teatro Argot Studios, 16 | 21 ottobre;
Circus Klezmer, regia Adrian Schvarzstein, Teatro Argentina, 16 | 17 ottobre ;
Giù, regia di Francesco Sframeli, Teatro Argentina, 18 | 21 ottobre;
Le Beatrici, scritto e diretto da Stefano Benni, Sala Umberto, 16 | 21 ottobre;
Fila Indiana, Ascanio Celestini, Teatro Vittoria, 16 | 21 ottobre;
La chiave dell'ascensore, regia e coreografia Paola Maffioletti, fino al 21 ottobre.
A qualcuno piace classico, rassegna cinematografica al Palaexpò (info)

.. E ANCORA
La solitudine del Re, regia Mauro Monni, Teatro dell'Orologio, 16 | 21 ottobre;
Veronica, regia Fabio M.Franceschelli, Teatro dell'Orologio 16 | 28 ottobre;
Closer, regia Michele di Francesco, Teatro Lo Spazio, 18 | 21 ottobre.

ANCORA IN SCENA

Dignità autonome di prostituzione, regia L.Melchionna, Ambra Jovinelli fino a 4 novembre

Nessun commento:

Posta un commento