mercoledì 15 settembre 2010

Malinconia

Accarezzo banchi di nuvole
fluttuanti di malinconie.
Leggendo le vecchie parole
rivedo musicali sorrisi.

Ci meritiamo quell'infinito
o il piombo di queste notti?

Quanto lunghi i tempi appaiono
distanti d'appena un battito
nei respiri di lune straniere,
di luci accese negli occhi.

Nel buio una mano m'avvolge
le dita han profumo d'ortica.

E come una morsa sul cuore
un urlo, sì flebile lamento
inquietante spreme Tenebre
gocciolanti d'amare voglie.

Matteo Di Stefano

Nessun commento:

Posta un commento